Grenaches du Monde 2017 - Ultima tappa a Cagliari

Dal 1928
PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

Noi penseremo a tutto il resto!

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

Noi penseremo a tutto il resto!

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

Noi penseremo a tutto il resto!

Da vivere

GRENACHES DU MONDE 2017

L' esaltazione del Cannonau in una manifestazione itinerante. 

Sarà la Sardegna che quest'anno ospiterà per la prima volta uno dei più importanti eventi enologici mondiali: il concorso Grenaches du Monde 2017, che giunge alla sua quinta edizione.

Un evento organizzato dal CIVR (Conseil Interprofessionnel des Vins du Roussillon) in collaborazione con la Regione Sardegna, che vedrà protagonista il Cannonau, un vitigno tanto caro alla nostra Isola.

Vini provenienti da tutto il mondo si sfideranno in una kermesse di quattro giornate, in cui si avrà la possibilità di conoscere più da vicino questo antico vitigno ricco di tradizione.

Il Grenache è infatti presente in diverse parti del mondo, conosciuto con diversi nomi come appunto Cannonau, Tai Rosso, Garnacha, Garnatxa, ed è un vino particolarmente pregiato dal colore rosso rubino e dal gusto ricco e profondo.

I vini presentati al concorso saranno degustati da una giuria di professionisti del panorama enologico, provenienti da diversi paesi del mondo, che avrà il compito di scegliere il vincitore di quest’anno.

L'evento itinerante partirà da Alghero l'8 febbraio, passando per Nuoro e Barumini e si concluderà l'11 febbraio a Cagliari, all'ex Manifattura Tabacchi, occasione in cui verrà premiato il miglior vino Grenache del 2017.

Durante la serata conclusiva verrà anche reso noto il nome del paese che ospiterà il concorso nel 2018.

Per ulteriori informazioni visita la pagina ufficiale dell'evento. 

Comunicato_Stampa.pdf (294,29 KB)