La ricetta delle Pardule

Dal 1928
PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

Noi penseremo a tutto il resto!

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

Noi penseremo a tutto il resto!

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

PRENOTA LA TUA VACANZA O IL TUO VIAGGIO D'AFFARI A CAGLIARI

Noi penseremo a tutto il resto!

Da gustare

Le ricette della tradizione sarda: le Pardule

Dolci, soffici e profumate: le pardule sono uno dei dolci più amati in Sardegna. Preparate con ingredienti tipici della tradizione gastronomica, sono uno dei simboli della cucina sarda. 

Un famoso dolce della tradizione pasquale sarda, che per la sua bontà, si è imposta tutto l'anno, diventando un dolciume tipico. Una sfoglia a forma di corona che accoglie un morbido ripieno a base di ricotta, per un dessert goloso e paffuttello. 

Vediamo insieme come farlo:

Ingredienti:


Per la pasta:


250 gr di semola rimacinata

50 gr di strutto

acqua tiepida

1 cucchiaino di zucchero

sale q.b.

Per il ripieno :


1 kg di ricotta fresca mista (vaccina e ovina)

50 gr di zucchero

100 gr farina

3 tuorli

1 limone e 1 arancia non trattati

due bustine di zafferano

Nonostante lo si trovi tutto l'anno, il periodo migliore per fare le Pardule è quello che va dall'inizio della primavera all'estate, quando la ricotta è cremosa al punto giusto. Inoltre, per la buona riuscita di questa ricetta, è importante che la ricotta perda tutto il suo siero e sia il più asciutta possibile. Per questo motivo è fondamentale metterla a scolare almeno la sera prima della preparazione.

Per preparare la sfoglia, bisogna iniziare a mischiare la semola con lo strutto, il sale, lo zucchero e aggiungere, a poco a poco, l'acqua tiepida. Lavorare con le mani o con l'impastatrice, sino ad ottenere un composto liscio e compatto. Lasciare riposare la pasta per almeno 30 minuti, coperta con un panno.

Nel frattempo in una terrina amalgamare uova, zucchero, farina, zafferano e la buccia del limone e dell'arancia grattugiati con una forchetta o cucchiaio. Evitare le fruste, perché l'impasto deve rimanere sodo.

Stendere la sfoglia finemente con un matterello o una macchina per la pasta. Ritagliare dei dischi con un coppapasta, di circa 8 cm. 

Riempire i dischi con un po' di ripieno e, tenendoli in mano, pizzicare i bordi sino a creare dei cestini. Accendere il forno e portarlo alla temperatura di 170°. Sistemare le pardule in una teglia ricoperta di carta forno e infornare per circa mezz'ora. Spolverare di zucchero a velo e servire.


Buone Pardule!